It | En
Effige Silvio Pellico.

Novità

L'ingrediente del successo. Intervista al nostro Chef de Partie Luca Fabaro

«Se ho visto più lontano degli altri è perché stavo seduto sulle spalle dei giganti».
Parole del grande Isaac Newton. Parole che al meglio racchiudono lo spirito che anima il nostro team. Un team fatto di persone che sono l’ingrediente delle nostre storie di successo e oggi vogliamo svelarvene uno tra i nostri più segreti, lo Chef de Partie Luca Fabaro.

Perché Luca Fabaro ha scelto di lavorare in cucina?
Ho sempre sentito la necessità di cucinare, quasi come una missione, una sensazione che sento dentro e che tutt’oggi fa parte di me. Anche quando sono a riposo a casa mi piace cucinare, pensare a come creare piatti nuovi e devo dire che ogni tanto ci riesco, anche molto bene.

Com’è iniziata la tua esperienza al Castello dei Solaro?
Tutto ebbe inizio nel 2003, in occasione dello stage scolastico del quarto anno dell'Istituto Alberghiero, puntavo ad avere un’ottima formazione che, nel futuro, mi sarebbe potuta servire per diventare un’eccellente professionista in ambito culinario. Il mio obiettivo era acquisire il tocco raffinato della cucina italiana finalizzata al banchetto, per me l’eccellenza assoluta. Non ero interessato al classico stage all'estero, come fecero tanti miei compagni, quindi ho agito di testa mia, volevo imparare tutto ciò che concerne la Cucina Tipica Italiana, dal piatto più semplice a quello più ricercato, feci quindi un elenco dei migliori ristoranti in provincia di Cuneo, è risaputo che la ‘Provincia Granda’ è ammirata in tutto il mondo per i suoi prodotti pregiati, fu quindi una scelta molto semplice…il ”Castello dei Solaro"… Per me era un sogno poterci lavorare, e il sogno divenne realtà poiché il colloquio andò bene! Armato di una grande motivazione iniziò così il mio stage anche se con la consapevolezza che non sarebbe stato semplice, ma con forte determinazione portai a termine quell’esperienza che mi ha arricchito molto come persona e cuoco e feci anche una buona impressione! Infatti finito lo stage i titolari mi chiesero se fossi interessato a lavorare nell'azienda nei fine settimana poi, finita la scuola, venni assunto con mia grandissima soddisfazione a tempo indeterminato.

Quale è oggi la tua mansione al Ristorante Castello dei Solaro?
Dopo il diploma di Scuola Alberghiera venni inserito nell'organico passando un paio di anni in qualità di aiuto cuoco maturando così abilità, professionalità e, soprattutto, flessibilità in tutti i reparti di cucina, faccio un piccolo inciso: nella nostra azienda vige la regola del "gioco di squadra", tutti lavorano con un unico obiettivo, la perfetta realizzazione del prodotto e del servizio, è quindi di fondamentale importanza saper gestire con precisione tutte le linee della cucina, anche in assenza di un collega. Ad oggi mi viene affidata tutta la linea degli aperitivi e antipasti.

Cosa vedi nel tuo futuro?
Faccio di nuovo un inciso: noi cuochi ogni tre mesi, al seguire del cambio stagione e dei suoi prodotti, ci sediamo a tavolino e studiamo nuove possibili proposte di piatti, prima vengono scritti su carta, poi vengono fatte leggere alla titolarità, i quali dopo essersi consultati con l’Executive Chef segnalano l'approvazione oppure se devono essere riviste o eliminate. Le proposte approvate vengono cucinate, assaggiate, e se hanno un ulteriore approvazione, viene dato l'okay e così inserite sulla lista ufficiale delle proposte per i menù.
Posso dire quindi che al Castello dei Solaro ogni giorno si guarda al futuro, ponendo grande attenzione ai particolari e alle tendenze. Un grazie ai titolari! La loro mentalità sempre aperta ai cambiamenti, alle idee su nuovi piatti o sulla richiesta di un ingrediente particolare, mi consente di vivere ogni giorno proiettato nel futuro e questo secondo me è l’ingrediente del successo!


Scroll to Top