It | En
Effige Silvio Pellico.

Novità

Passione Italiana. Intervista al nostro Souce Chef Giovanni Viggiano

Curiosando tra i video del nostro canale ufficiale di YouTube vi capiterà di rimanere alquanto sorpresi nell’ammirare le performance di ‘Gigi il cuoco ballerino'. Ma non vi è nulla di incredibile o inverosimile, al Castello dei Solaro siamo fatti così, la passione guida ogni nostra azione e l’esperienza e la professionalità ci consentono di dare sempre il meglio.

Chi è Giovanni Viggiano?
Sono nato in Germania nel 1978 ed ho vissuto lì per sette anni, anche se le mie origini sono italiane più precisamente lucane. All'età di sette anni i miei genitori si sono trasferiti a Torino perché volevano che io studiassi in Italia. Ho frequentato la scuola alberghiera “Prever” di Pinerolo, conseguendo la qualifica di cuoco. Fin da bambino, nonostante non avessi molta voglia di studiare, provavo una forte attrazione nei confronti del mondo della cucina, infatti ho iniziato ad apprendere come preparare le delizie culinarie della nonna già nei miei primi anni di vita. Come ogni professionista di rispetto ho iniziato questo mestiere facendo la “gavetta”, durante gli anni di alberghiero, ho cominciato a lavorare in Pizzeria nel fine settimana e come aiuto cuoco in Germania durante le vacanze natalizie ed estive.

Hai fatto altre esperienze lavorative prima del Castello dei Solaro?
Si, a diciassette anni sono tornato in Germania ed ho iniziato la mia carriera lavorativa come cuoco apprendista, nel ristorante italiano pluripremiato “Al Dente” di Colonia. In questo ristorante, ho lavorato per due anni al fianco dello Chef innovativo Sergio Carcangiu. Dopo questa esperienza sono tornato in Italia ed ho lavorato presso diversi ristoranti, per i primi tre anni come apprendista cuoco, successivamente come cuoco addetto alla griglia di pietra lavica (specialità pesce) ho imparato tutta la pulizia del pesce di mare, ho carpito tanti segreti dallo Chef Mario Laconi. Negli anni successivi ho voluto provare l'esperienza di molti ristoranti da quelli specializzati in matrimoni e banchetti, a quelli alla carta con piatti tipici Piemontesi, proseguendo ai ristoranti in Hotel ed addirittura gestendone uno in Società! Molti di questi come Capo Chef e poi finalmente dal 2009… sono approdato al Castello dei Solaro. Ho lavorato al fianco di Chef francesi, arabi, turchi, spagnoli, portoghesi e greci, con i quali mi sono potuto confrontare e re-inventare. Ho appreso molte cose delle varie cucine internazionali ma, allo stesso tempo, ho capito che la vera cucina italiana, autentica e genuina, anche per le materie prime usate, si può trovare solo in Italia e soprattutto in questa fantastica provincia.

Qual'è il tuo compito qui al Castello dei Solaro?
Sono arrivato al “Castello dei Solaro” nel 2009, in qualità di Sous Chef alla preparazione dei secondi piatti e alla gestione della seconda cucina. Mi occupo anche della preparazione di aperitivi “finger food”, contorni, dei dessert e paste lievitate: pane, grissini, pizza e focaccia. Insieme agli altri chef sperimentiamo sempre nuovi menù stagionali e settimanali. Qui ho trovato un connubio perfetto tra ristorante “da matrimoni” e “alla carta”.

Quale è il piatto che ti piace di più e perché ti dà più soddisfazione preparare un piatto?
Personalmente non ho piatti preferiti, perché adoro fare una ricetta con mille varianti, la cucina è arte, qualsiasi cosa si crea dà ottimi risultati, se si vede il cliente estasiato all'assaggio ...Beh! Quella è la più grossa soddisfazione dell'avere preparato un piatto, il tuo piatto, dove devi metterci sempre passione, anima ed ore lavorative nel creare la perfezione.

Ti piace sperimentare?
Credo che se non si sperimentasse, come nella vita quotidiana, sarebbe un mondo grigio come una zuppa di pollo insipida. La cucina ha sempre bisogno di colori, vivacità, brio... e se uno Chef riesce a trasmettere tutto questo, con un pizzico di follia nei propri piatti, direi che è sulla strada giusta, quindi “si”, avanti a sperimentare sempre, la cucina ha avuto un inizio ma non avrà mai una fine. Per me sperimentare cose nuove è l'elemento fondamentale di questa grande passione.

E quello che ti piace di più al Castello dei Solaro?
Tutto! A cominciare dalla professionalità e dalla correttezza, per me lavorare qui è come aver raggiunto il massimo livello creativo e professionale. In ambito culinario sono libero di dar sfogo a tutte le mie fantasie e di mettere in pratica tutte le conoscenze che ho acquisito negli anni. Il livello di questo ristorante, mi permette di continuare a studiare e ad evolvere la conoscenza dei prodotti e della cucina rinnovata.


Scroll to Top